Dieta Dimagrire

Obesità Come un eccesso di peso influisce sulla salute

I rischi per la salute dovuti al sovrappesosovrappeso , obesità e salute
Obesità
 e sovrappeso sono condizioni associate ad elevata mortalità. Essi rappresentano un importante fattore di rischio per almeno 50 tipi di malattie croniche:

  • malattie cardiovascolari (in particolare infarto e ictus),
  • ipertensione,
  • diabete mellito di tipo 2,
  • sindrome metabolica,
  • sindrome del fegato grasso,
  • alcune forme di tumori (in particolare il tumore dell’endometrio, del colon retto, renale, della colecisti, della prostata e della mammella).
  • complicazioni della gravidanza.

L’obesità aumenta anche il rischio di malattie della colecisti (calcoli) e delle malattie muscolo-scheletriche (in particolare artrosi degenerativa),

Oltre ad un’alterazione della qualità della vita, forse ancora più interessante è il forte legame tra eccesso di peso e depressione. Questo disturbo dell’umore comune può avere un profondo impatto negativo sulla vita quotidiana.

Il grado di rischio è influenzato, dalla quantità relativa di peso in eccesso, dalla localizzazione del grasso corporeo, dalla rilevanza dell’aumento di peso nell’età adulta e dalla quantità di attività fisica. Fortunatamente la maggior parte di questi problemi può essere migliorata con un calo di peso relativamente modesto (10-15%).  Soprattutto se abbinato ad un incremento dell’esercizio fisico.

Il sovrappeso causa molti problemi di salute

Uno studio di Harvard che ha studiato i dati provenienti da più di 50.000 uomini (partecipanti al Health Professionals Follow-up Study) e più di 120.000 donne (da Health Study Nurses ‘)ed ha rivelato alcune statistiche che fa riflettere sul nesso tra il peso e la salute.

I volontari, sono stati studiati secondo le loro condizioni di peso e altezza. Così come i dettagli sulle loro diete, abitudini di salute, e storie mediche. I ricercatori hanno seguito i volontari per più di 10 anni. Essi hanno rilevato la presenza di alcune malattie.  Poi hanno confrontato questi sviluppi con l’indice di massa corporea di ciascun soggetto (BMI).  Stima del grasso corporeo di un individuo calcolato come rapporto tra peso e quadrato dell’altezza.

L’obesità aumenta il rischio di diabete di 20 volte, e sostanzialmente incrementa il rischio di sviluppare la pressione alta, malattie cardiache, ictus, e calcoli biliari. Tra le persone che erano in sovrappeso o obesi, c’era un rapporto diretto tra BMI e rischio. Più alto è il BMI, maggiore è la probabilità di contrarre la malattia.

Obesità e depressione qual è il nesso?

Le persone aumentano di peso perché sono depressi, o se invece diventano depressi perché sono in sovrappeso?

Una revisione di 15 studi ha provato che entrambi gli scenari sono probabilmente veri. Lo studio, pubblicato nel 2010 negli Archives of General Psychiatry , ha rinvenuto che le persone obese hanno un rischio maggiore del 55% di sviluppare la depressione nel corso del tempo rispetto alle persone di peso normale. Ecco alcuni motivi per cui l’obesità può aumentare il rischio di depressione:

  • Entrambe le condizioni sembrano derivare (almeno in parte) da alterazioni nella chimica e delle funzioni cerebrali in risposta allo stress.
  • fattori psicologici sono ragionevoli. Nella nostra cultura, sottile uguale bello, e il sovrappeso può abbassare l’autostima, un trigger noto per la depressione.
  • Strani modelli alimentari e disturbi alimentari, nonché il disagio fisico di essere obesi, sono noti per favorire la depressione.

Obesità nelle persone depresse

Lo studio ha anche evidenziato che le persone depresse hanno un rischio maggiore del 58% di diventare obesi. Ecco alcuni motivi per cui la depressione può portare all’obesità:

  • Elevati livelli di cortisolo, l’ormone dello stress (comune nelle persone con depressione) possono alterare le sostanze in cellule di grasso che danno l’accumulo di grasso. Più probabilmente, secondo una teoria, soprattutto nella pancia.
  • Le persone che si sentono depresse spesso non fanno esercizi fisici e non mangiano correttamente.  Ciò  li rende più inclini ad aumentare di peso.
  • Le persone depresse sono spinte a mangiare molto di più del normale. Il mix di emozioni che tendono ad accompagnarla . Tristezza, pessimismo, perdita di fiducia in se stessi possono portare l’individuo a riempire i vuoti che sente dentro di sé con il cibo.
  • Alcuni farmaci usati per trattare la depressione causano aumento di peso.

A livello psicologico, l’obesità può stravolgere completamente la vita di una persona.  Chi è in sovrappeso o obeso spesso viene isolato e sottoposto a una vera e propria stigmatizzazione sociale che rende difficile qualunque tipo di socialità. In particolare, i bambini in sovrappeso tendono a sviluppare un rapporto difficile con il proprio corpo e con i propri coetanei.  Ciò ha come conseguenza l’isolamento, che spesso si traduce in ulteriori abitudini sedentarie.

Sovrappeso e Apnea del sonno: Perché russare può essere grave

Le apnee notturne sono dei disordini del sonno caratterizzati da pause nella respirazione durante il sonno.  Un disturbo comune che è più diffuso nelle persone in  sovrappeso e obese con un obesità di tipo viscerale cioè da accumulo di grasso in addome e in mediastino.

Poiché non è pienamente cosciente, l’individuo raramente si rende conto di avere difficoltà di respiro. Anche se questa difficoltà lo porta a risvegliarsi. L’apnea nel sonno viene riconosciuta come un problema da altri soggetti (come il partner) che testimoniano la condizione dell’individuo durante gli episodi. Oppure viene sospettata per le varie sequele come il russare, la sonnolenza diurna, l’ipertensione arteriosa.

Il sovrappeso e l’obesità sono fattori di rischio di importanti complicanze

L’ apnea del sonno spesso porta non solo a sonnolenza diurna. Ma è importante non sottovalutare che alla sindrome delle apnee ostruttive è correlata anche l’ipertensione arteriosa sia sistemica sia polmonare. Restando desaturati in ossigeno a lungo durante la notte, i pazienti possono manifestare disturbi di ossigenazione del miocardio.

Questo significa che possono verificarsi crisi anginose o disturbi del ritmo cardiaco. In casi non frequenti ma ben noti sono possibili casi di fibrillazione ventricolare durante la notte che comportano morte improvvisa durante il sonno. Per questi motivi l’apnea notturna deve essere considerata come una complicanza estremamente importante dell’obesità di tipo viscerale.

Ma cosa succede al paziente obeso durante la notte?

Caratteristica del soggetto obeso è la presenza di accumulo di tessuto adiposo e di grasso in addome e all’intorno delle vie respiratorie superiori. Durante il riposo cioè in posizione supina la massa adiposa addominale solleva e blocca il diaframma. Quindi limita l’escursione respiratoria e la ventilazione polmonare. L’accumulo di grasso intorno alla faringe rende lasse le pareti del faringe (e questo spiega perché si russa) e può addirittura portare all’occlusione.

eccesso di peso

Sovrappeso, Eccesso di peso, Obesità, malattie cardiache e ictus

L’obesità predispone l’individuo ad una serie di fattori di rischio cardiovascolare tra cui l’ipertensione e l’aumento del tasso di colesterolo nel sangue.

Entrambi possono portare a problemi di salute. Tipici sono le Malattie cardiovascolari (CVD) che comprendono la malattia coronarica (CHD), l’ictus e la malattia vascolare periferica.  Queste patologie sono responsabili di un’elevata percentuale (fino ad un terzo) della mortalità di uomini e donne nella maggior parte dei Paesi industrializzati con una crescente incidenza nei Paesi in via di sviluppo.

I soggetti obesi hanno maggiori probabilità di avere alti livelli di trigliceridi (grassi) e di lipoproteina a bassa densità (LDL) o “colesterolo cattivo” e una diminuzione della lipoproteina ad alta densità (HDL) o “colesterolo buono”.

eccesso di peso dieta addioQuesto profilo metabolico si riscontra il più delle volte nelle persone obese con un elevato accumulo di grasso endo-addominale (forma a “mela”).  Questo è stato messo in relazione con un aumento del rischio di malattie coronariche. Con la perdita di peso, è prevedibile un miglioramento dei livelli di lipidi nel sangue. Una perdita di peso di 10 kg può determinare un calo del 15% dei livelli di colesterolo LDL e dell’8% dei livelli di colesterolo HDL

La pressione alta è di circa sei volte più comune nelle persone che sono obese rispetto a coloro che sono magri. Secondo l’American Heart Association, 10 chili circa di peso in eccesso amplifica la pressione arteriosa sistolica (il primo numero in una lettura) da una media di 3 millimetri di mercurio (mmHg) e la pressione sanguigna diastolica (il secondo numero) da una media di 2,3 mm Hg, che si traduce in un aumento del 24% del rischio di ictus.

Relazione tra sovrappeso e malattie cardiache

Uno studio del 2007 in Archives of Internal Medicine ha esaminato il legame tra peso e le malattie cardiache. La ricerca ha messo in comune i risultati di 21 diversi studi che ha coinvolto più di 300.000 persone.

Lo studio ha rilevato:

Anche se gli effetti negativi di eccesso di peso sui livelli di pressione sanguigna e del colesterolo potrebbero rappresentare il 45% del maggior rischio di malattie cardiache. Gli autori hanno concluso che anche modeste quantità di peso in eccesso può aumentare le probabilità di contrarre malattie cardiache indipendente da rischi noti.

Rispetto alle persone di peso normale, le persone in sovrappeso affrontano un rischio maggiore del 22% di ictus. Per coloro che sono obesi, l’aumento del rischio sale al 64%. Ciò è evidenziato  da un rapporto del 2010 sulla rivista Stroke , che ha riunito i risultati di 25 studi che ha coinvolto più di due milioni di persone.

Eccesso di Peso e il diabete

Eccesso di peso e obesità sono così strettamente legati al diabete. Gli esperti hanno coniato il termine “diabesity” per descrivere il fenomeno. Circa il 90% delle persone con diabete di tipo 2 (la forma più comune della malattia) sono in sovrappeso o obesi. L’incidenza del diabete è aumentato drammaticamente, di quasi il 65% -da 1996-2006.

Un alto livello di zucchero nel sangue, il segno distintivo del diabete, è una delle caratteristiche della sindrome metabolica. Se non trattata o scarsamente controllata, il diabete può portare a una serie di problemi di salute gravi. Compresa l’insufficienza renale, cecità, e amputazioni del piede o della gamba. Il diabete è attualmente la settima causa di morte negli Stati Uniti.

guarisci il tuo diabete eccesso di peso

Hai la sindrome metabolica?

La Sindrome Metabolica è definita dalla presenza in uno stesso individuo di almeno tre tra questi fattori di rischio cardiovascolare:

  • peso corporeo in eccesso con prevalenza di depositi adiposi addominali,
  • elevati valori di pressione arteriosa,
  • ipertrigliceridemia,
  • ridotti livelli di HDL-Colesterolo,
  • l’iperglicemia a digiuno secondo i parametri biologici proposti dall’Adult Treatment Panel (ATP III) del National Cholesterol Education Program (NCEP) nel 2001

Criteri diagnostici della sindrome metabolica.

  1. Obesità viscerale o obesità addominale (circonferenza vita > 102 cm nell’uomo o > 88 cm nella donna)
  2. Trigliceridi uguale o maggiore di 150 mg/dl
  3. HDL < 40 mg/dl nell’uomo o < 50 mg nella donna
  4. Ipertensione arteriosa uguale o maggiore di 130/85 mmHg)
  5. Glicemia a digiuno > 110 mg/dl ma < 126 mg/dl oppure test da carico al glucosio patologico.

Eccesso di peso, Obesità e cancro.

L’esistenza di un nesso causale tra obesità e cancro è supportata da numerosi studi internazionali, che hanno portato recentemente noi ad introdurre nella comunità scientifica il nuovo termine “adiponcosi”. Termine derivato dalla fusione tra la parola di origine latina “adiposis” (accumulo di grasso nell’organismo) e la parola di origine greca“oncosis” (formazione di un tumore).  Adottato per descrivere con una sola parola come l’adipe in eccesso possa concorrere all’insorgenza di neoplasie.

Colon-retto, mammella (in età post-menopausa), endometrio, rene, esofago ed ultimamente anche tiroide. Sono questi gli organi in cui la crescita neoplastica è fortemente associata, in almeno un quarto dei pazienti all’obesità, con prognosi spesso infausta. I numeri non sono trascurabili.

Relazione tra corporeo in eccesso e cancro.

Uno studio della American Cancer Society, pubblicato nel The New England Journal of Medicine, ha seguito più di 900.000 persone per 16 anni. Lo studio ha dimostrato un legame tra peso corporeo in eccesso e molti diversi tipi di cancro.  Ecco alcuni dei risultati:

  • Tra le persone di età superiore ai 50 anni, sovrappeso e obesità possono rappresentare il 14% di tutte le morti per cancro negli uomini e il 20% di tutte le morti per cancro nelle donne.
  • Per entrambi i sessi, uomini obesi e donne obese.  BMI più elevati sono stati associati con un rischio più elevato di morire di cancro dell’esofago, del colon e del retto, del fegato, cistifellea, pancreas, rene.
  • Negli uomini obesi, l’eccesso di peso ha anche aumentato il rischio di morire di cancro alla prostata o allo stomaco .
  • Nelle donne obese, morti per cancro della mammella, dell’utero, della cervice, o dell’ovaio sono stati riscontrati  nelle donne con BMI più alto.

Il sovrappeso, l’obesità e cancro dei paesi industrializzati.

Nel 2012 quasi 500mila nuovi casi di cancro nel mondo, pari al 3,6 per cento del totale, erano legati al sovrappeso o all’obesità. Secondo l’équipe di Melina Arnold, del centro internazionale di ricerca sul cancro di Lione, due terzi delle persone con un eccesso di peso riguardano persone che vivono in Europa o negli Stati Uniti.

Un indice elevato di massa corporea, cioè superiore a 25, è un fattore di rischio già noto per le patologie come il diabete o le malattie cardiocircolatorie. Altri studi avevano evidenziato il legame tra il peso eccessivo e alcuni tumori. In particolare quelli dell’apparato digerente, dei reni e, nelle donne in menopausa, del seno, delle ovaie e dell’utero. Diversi fattori sembrano spiegare il legame dei tumori con il peso eccessivo. Come la proliferazione cellulare, le infiammazioni croniche e i cambiamenti ormonali. La proporzione di tumori associati al sovrappeso è decisamente più elevata tra le donne (5,4 per cento) che tra gli uomini (1,9). Lancet Oncology

Eccesso di peso, Obesità e disfunzioni erettili

Numerosi studi clinici sono stati effettuati per conoscere la correlazione esistente fra stile di vita, circonferenza addominale (indicatore del grasso centrale) e disfunzioni sessuali ed urologiche,

Uno studio pubblicato da Richard K. Lee e colleghi nel 2012 hanno mostrato  che le disfunzioni sessuali, quali disfunzioni erettili e dell’eiaculazione, sono strettamente correlate all’adiposità centrale. Che le disfunzioni sessuali, quali disfunzioni erettili e dell’eiaculazione, sono strettamente correlate all’adiposità centrale.

Gli studi clinici pubblicati in Nuove Guidelines per la Medicina Sessuale della Seconda Consensus di Princeton sulla Disfunzione Sessuale e il Rischio Cardiaco hanno evidenziato  come uno stile di  vita sedentaria e i chili in eccesso sono gli acerrimi nemici della salute sessuale. Mentre attività fisica, controllo del peso e integrazione, sono alleati preziosi per una vita sessuale soddisfacente.

eccesso di peso, dieta addio 250Relazione tra persone obese e la Disfunzione Erettile

Una indagine effettuata su una popolazione maschile sopra i 50 anni, ha evidenziato che la Disfunzione Erettile risulta collegata sia al Bmi che alla frequenza dell’attività fisica. La sedentarietà costituisce uno dei fattori prevalenti di rischio. Mentre un’attività fisica in modo costante e controllo del peso può ridurre il rischio del 30%.  E se è presente un  Disturbo Erettile  si può rilevare prezioso per avere un  ripristino della funzionalità sessuale.

Un calo del desiderio sessuale, rapporti insoddisfacenti, disfunzioni erettili ed infertilità possono essere spiegate mediante una componente psicologica dall’avere dei chili di troppo. Come sentimento di vergogna nei confronti del proprio corpo, bassa autostima e timori del giudizio. E da una componente organica dovuta alla quantità di massa grassa che è inversamente proporzionale ai livelli di testosterone circolanti nel sangue (testosterone totale).  Fondamentale ormone che regola la funzione sessuale maschile.

Un eccesso di peso e l’obesità, precisamente, comportano insulino-resistenza. Questa a sua volta, inibisce la produzione di shbg, la proteina che trasporta gli ormoni sessuali nel sangue. Di conseguenza se abbiamo un  abbassamento testosterone totale, influisce, sulla funzione sessuale.

Il consiglio medico per gli uomini, soprattutto superati i 50 anni, è quindi quello di seguire uno stile di vita sano.  Uno stile di vita che deve prevedere un’alimentazione corretta e un’attività fisica svolta regolarmente.

L’obesità ha un importante effetto sulla durata della vita

L’eccesso di peso gioca un ruolo in molte malattie comuni e mortali. Il sovrappeso e l’obesità può diminuire marcatamente l’aspettativa di vita. Specialmente nei  più giovani gruppi d’età che risultano obesi per la maggior parte della loro vita.

Le persone con un eccesso di peso ed obesi rispetto alle persone con un giusto peso-forma hanno più difficoltà a camminare per più di 500 metri e sollevare piccoli pesi.

Un studio statunitense condotto da David B. Allison, della University of Alabama di Birmingham, e i suoi collaboratori  hanno pubblicato sul numero dell’8 Gennaio del Journal of the American Medical Association  l’aspettativa di vita. Per le persone obese si può accorciare di più di dieci anni.  E per  uomini di colore, addirittura, può abbreviarla anche di 20 anni.

Relazione tra Aspettativa di vita e sovrappeso

Secondo il report, un eccesso di peso e l’obesità è particolarmente pericolosa per i giovani. Gli uomini bianchi gravemente obesi, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, vivono circa 13 anni in meno degli altri individui della popolazione generale. Le donne bianche gravemente obese hanno un’aspettativa di vita di 8 anni più breve rispetto alle loro controparti non obese

Per Joann E. Manson e Shari S. Bassuk, del Brigham and Women’s Hospital di Boston., siccome l’eccesso di peso corporeo è un problema per la salute, ciò dovrebbe stimolare i medici e la sanità pubblica a prendere provvedimenti per arginare l’epidemia dell’obesità. “  l’eccesso di peso non ha ricevuto la stessa attenzione da parte dei medici e dei funzionari della sanità pubblica di altri fattori che minacciano la salute, come l’uso di tabacco, l’ipertensione, o l’ipercolesterolemia.

Costi per la sanità per l’obesità e sovrappeso

In base a studi effettuati a livello internazionale pubblicate su “World Heath Organisation, Obesity: preventing and managing the global epidemic. WHO Technical Report Series 894. 2000: Geneva” si è riscontrato che i costi economici legati all’obesità e al sovrappeso rappresentano dal 2 al 7% dei costi sanitari totali, a seconda delle modalità di realizzazione dell’analisi.

Secondo dati dell’OMS, la prevalenza dell’obesità a livello globale è raddoppiata dal 1980 ad oggi. Nel 2008 si contavano oltre 1,4 miliardi di adulti in sovrappeso (il 35% della popolazione mondiale). Di questi oltre 200 milioni di uomini e oltre 300 milioni di donne erano obesi (l’11% della popolazione mondiale).

Nel frattempo, il problema ha ormai iniziato ad interessare anche le fasce più giovani della popolazione. Si stima che nel 2011 ci fossero nel mondo oltre 40 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni in sovrappeso.

Secondo i dati raccolti nel 2010 dal sistema di sorveglianza Passi, in Italia il 32% degli adulti è sovrappeso, mentre l’11% è obeso. In totale, oltre quattro adulti su dieci (42%) sono cioè in eccesso ponderale in Italia.

Motivi principali del sovrappeso

In genere l’eccessivo accumulo di grasso corporeo avviene a causa di un’alimentazione scorretta e di una vita sedentaria. Alimentazione e attività fisica sono comportamenti fortemente influenzati dalle condizioni sociali, economiche e culturali.

Sfatando un luogo comune abbastanza diffuso, lobesità non è un “problema dei ricchi”. O almeno, non solo. Le fasce di popolazione più svantaggiate dal punto di vista socioeconomico tendono infatti a consumare più carne, grassi e carboidrati, piuttosto che frutta e verdura.  A curare meno la propria immagine e il benessere fisico.
Clicca Qui! per sapere dei 3 semplici passaggi da seguire per perdere il grasso più ostinato in modo permanente

Dimagrire, perdere peso per sentirsi meglio

Siamo convinti che la cultura e la promozione di una dieta sana e di maggior attività fisica,  la passione e la professionalità siano valori fondamentali da condividere , tra gli organi governativi, i professionisti del settore sanitario, l’industria alimentare, gli organismi di comunicazione di massa e i consumatori.

Ci deve essere una condivisione di responsabilità per favorire una corretta alimentazione.  Una alimentazione povera di grassi, ricca di carboidrati complessi e abbondante di frutta e verdura fresca.

Ma come possiamo educare i consumatori affinché quando comprano un prodotto al supermercato possano scegliere in modo consapevole?

Un grosso passo avanti è stato fatto con il nuovo Regolamento Europeo 1169/2011 – relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori . – Questo Regolamento  introduce una “dichiarazione nutrizionale” di un alimento,  ossia l’insieme di informazioni sulla quantità di energia e determinati negli alimenti.

Sicuramente non basta una norma per poter risolvere i problemi di salute e i costi relativi all’obesità.

E’ necessario praticare maggiore attività fisica.

Oggi più di ieri siamo immersi in una società consumistica.  Da un lato abbiamo un invecchiamento della popolazione. Dall’altro stiamo conoscendo malattie dovute ad una vita sedentaria che fino poco tempo fa erano sconosciute.

Dieta equilibrata per perdere peso

Molte persone obese sono scoraggiate nel perdere peso in quanto vedono il cammino troppo lungo per rientrare nel loro peso-forma.

La notizia positiva sta nel fatto che per sentirsi meglio sia fisicamente che emotivamente per vivere una vita più lunga può bastare anche dei modesti esercizi fisici giornalieri ed una modesta perdita di peso del 5% al 10% del peso di partenza per  portare a significativi benefici per la salute.

Queste persone noteranno subito una riduzione della pressione sanguigna e ridurre il rischio di contrarre il diabete di circa il 60%

Un piano per dimagrie e diete efficaci per perdere peso  passo dopo passo. Clicca Qui

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.